6 usi alternativi per lo zucchero. Senza mangiarlo

13 Ottobre 2015
738 Views

Lo zucchero? Chi l’ha detto che devi per forza mangiarlo? Ci sono molti altri usi per lo zucchero a parte… metterlo nel caffè, nel tè, nei dolci? Eccone alcuni…

Raffredda la lingua che brucia. Se ti scotti la lingua col caffè caldo, per esempio, succhia un pizzico di zucchero o una zolletta di zucchero duro per alleviare il bruciore.

Usalo per intrappolare gli insetti. Mescola lo zucchero in due parti con una parte di acqua e porta ad ebollizione. Lascia raffreddare il composto. Poi versa lo sciroppo in un grande vaso e mettilo sotto il portico o su un davanzale. La trappola appiccicosa sarà irresistibile per mosche, vespe e insetti.

Pulisci il macinacaffè e spezie con lo zucchero. Versare 1/4 di tazza di zucchero nel macinino e fallo funzionare per alcuni minuti per ripulirlo di tutti gli oli in eccesso che si sono accumulati nel corso del tempo.

Usalo per eliminare i cattivi odori dalla cucina. Fa’ bollire un po’ di zucchero in una pentola con dell’acqua e lascia sobbollire per un po’. Si porterà via tutto l’odore della frittura di pesce dalla tua cucina.

Accendici il camino. Una delle caratteristiche dello zucchero è quella di essere infiammabile. Chissà che non ti torni utile, se devi accendere un fuoco con legna o carbone: basta gettarci su una manciata di zucchero e poi usare l’accendino….

Usalo per mantenere pane e prodotti da forno al fresco. Se metti un paio di cubetti di zucchero in un contenitore ermetico con del pane o prodotti da forno, rimarranno freschi più a lungo.

Rimuovi lo sporco e il grasso dalle tue mani con lo zucchero. Mischialo con un filo d’olio e strofina il composto sopra le mani per rimuovere lo sporco, grasso e sporcizia. Poi risciacqua…

Cura le ferite. Uno studio inglese ha dimostrato che lo zucchero su una piaga o ulcera ucciderà i batteri e allevierà il dolore: questi infatti hanno bisogno di umidità per proliferare e lo zucchero invece attira a sé tutta l’acqua della ferita.

Potrebbero interessarti: