Riso bianco o integrale? Qual è meglio?

11 Maggio 2015
864 Views

Storicamente il riso è stato utilizzato in cucina per affrontare una serie di malattie, e col tempo ha guadagnato una certa popolarità come alimento per aiutare le persone a perdere peso.

I benefici per la salute del riso integrale superano quelli del riso bianco: fornisce più fibre, ferro, vitamine del gruppo B e altre sostanze nutritive. Ci sono 1,5 grammi di fibra per mezza tazza di riso integrale -. Quasi tre volte la fibra nella stessa quantità di riso bianco. E la fibra, tra le altre cose, aiuta a sentirsi più sazi. Ma non solo…

Il riso bianco si ottiene rimuovendo crusca e germe dal riso integrale. Il riso bianco ha un più alto indice glicemico del riso integrale. Tale indice è una misura di quanto velocemente un alimento particolare fa aumentare nel sangue livelli di glucosio, rispetto alla stessa quantità di glucosio.

Secondo i ricercatori della Harvard School of Public Health: “La prima conseguenza del processo di raffinazione del riso è la perdita di fibre, vitamine, magnesio e altri minerali, lignani, fitoestrogeni, e l’acido fitico, molti dei quali possono essere fattori protettivi per il rischio di diabete“. Ecco perché consigliano di sostituire il riso bianco e gli altri cereali raffinati con riso integrale per cercare di prevenire il diabete di tipo 2.

Il vantaggio del riso bianco è nei tempi di cottura: di solito ha bisogno di cuocere tra i 15 e i 20 minuti, mentre il riso integrale richiede un po’ più di tempo (a volte anche il doppio) e più acqua nella pentola. Ma da qualche anno nei negozi si trovano versioni parboiled del riso integrale (come il Riso Scotti, ma ce ne sono anche altre, ndr), che permettono di cuocerlo in 10 minuti.

Potrebbero interessarti: