Perché l’esercizio fisico ci fa sentire bene mentalmente?

10 Maggio 2015
420 Views

La scienza ci dice che l’esercizio esercita un’influenza potente sugli stati d’animo: per prima cosa, l’attività fisica modula sostanze chimiche del cervello note come neurotrasmettitori, che consentono i neuroni inviano segnali. Queste includono la dopamina, un neurotrasmettitore che regola il movimento, le emozioni e le sensazioni di piacere, così come la serotonina, che influenza l’umore, appetito, sonno e memoria. L’esercizio agisce anche sulla noradrenalina, parte della nostra risposta di lotta o fuga che può aiutarci ad affrontare lo stress, e sull’acido gamma-aminobutirrico (GABA), che ha dimostrato di avere effetti anti-ansia.

Contro l’alzheimer
L’esercizio fisico può anche aumentare i livelli del fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF), una proteina che favorisce la crescita e la sopravvivenza dei neuroni, contribuendo in tal modo a respingere le malattie neurologiche come l’Alzheimer e il Parkinson. In realtà, la ricerca sui topi ha trovato che l’esercizio volontario – una distinzione importante negli animali da laboratorio – può migliorare la crescita dei neuroni nelle regioni del cervello coinvolte con le emozioni, la memoria e l’apprendimento. I topi esaminati hanno anche mostrato una maggiore attività in una regione del cervello chiamata corteccia infralimbica, e deputata al controllo delle emozioni. Questo suggerisce che questa regione invia segnali ad altre parti del cervello durante l’esercizio.

La regione corrispondente nel cervello umano è stata collegata alla depressione. Oltre a ciò, l’esercizio fisico può anche aiutare il nostro cervello a imparare a sopportare lo stress (espondendoci ad esso in modo controllato). “Per le persone con alcuni problemi di ansia, panico e simili, sembra che l’esercizio funzioni”,  dice Jasper Smits, professore di psicologia clinica presso l’Università del Texas-Austin dove si studia il rapporto tra l’esercizio fisico e la salute mentale.

Contro la depressione
“Un sacco di persone sono più motivate ​​a fare esercizio per perdere peso”, dice Mary De Groot, docente di psicologia presso l’Indiana University che studia l’esercizio fisico e l’umore nelle persone con diabete. “Questo è un obiettivo meritevole, ma per quanto riguarda il trattamento della depressione, l’esercizio che è richiesto è di solito di intensità inferiore a quello che sarebbe richiesto per la perdita di peso. È una buona notizia. Non c’è bisogno di perdere peso per sentirsi meglio”.

Proprio come i farmaci, gli effetti dell’esercizio variano da persona a persona. Ma secondo gli scienziati la maggior parte di noi ottengono benefici di umore dopo l’esercizio. Ma, non si possono pretendere ricompense durature se non si impegnano. “Indipendentemente da come le persone si sentono durante l’esercizio fisico, che è abbastanza variabiel, sappiamo che la maggior parte delle persone lasceranno una sessione di allenamento d’umore migliore di quanto hanno iniziato”, spiega Smits. “Quindi c’è un effetto positivo acuto dell’esercizio. E noi cerchiamo di usarlo per convincere la gente ad adottare l’esercizio come un abitudine.”

Un sollievo dal cattivo umore
L’attività fisica potrebbe offrire un rapido sollievo dal cattivo umore, a patto che gli atleti non rischino infortuni sul campo. “Quando siete stressati, è il momento giusto per esercitarvi”, spiega Smits. “Poi monitorate i sintomi e le sensazione, e utilizzatelo come metodo per automotivarvi e a prendere l’abitudine di esercitarvi nel corso del tempo. Le ricerche mostrano che dopo 3-4 mesi di esercizio, gli effetti benefici sull’umore sono evidenti”.

“La prima regola è che l’esercizio deve essere sicuro e divertente,” aggiunge De Groot. “Se è da anni che non fate una regolare attività fisica ricordate di chiedere consiglio al vostro medico”. Ma c’è un altra cosa da tener presente. “Eravamo abituati a pensare ai problemi di salute mentale come separati da quelli di salute fisica, niente di più errato”, dice De Groot. “Lo stress come esperienza emozionale ha un effetto importante sul corpo, e la co-insorgenza di diabete e depressione si trova all’incrocio della relazione mente-corpo”. Una persona su quattro con diabete svilupperà depressione clinica ad un certo punto della vita, spiega De Groot. La ricerca ha già dimostrato che trattare la loro depressione con psicoterapia e farmaci può aiutare ad alleviare entrambe le condizioni, e De Groot ora sta studiando se anche l’esercizio funziona come cura. I risultati sono incoraggianti: con 12 settimane di esercizio fisico si stimolano miglioramenti significativi nel diabete e depressione per tre mesi.

Contro l’ansia
Anche chi soffre d’ansia, secondo Smits può giovarsi dell’attività fisica che può aiutarli a superare le abitudini dannose come fumare, bere o mangiare cibi poco sani, che sono spesso utilizzati come auto-medicazione di gestire lo stress. Ha studiato appositamente fumatori che soffrono di ansia, mostrando che l’esercizio fisico può migliorare le loro probabilità di smettere di fumare. “Quando smettono di fumare l’ansia aumenta e sono pronti a tornare a fumare per affrontare quei sintomi,” chiosa Smits. Ma del vigoroso esercizio per 75 minuti alla settimana sembrava dare a molti la spinta di cui avevano bisogno, con un conseguente tasso di astinenza di 23 per cento dalle sigarette in un periodo di sei mesi rispetto al 10 per cento di un gruppo di controllo che non aveva praticato sport.

Potrebbero interessarti: