Caffeina: l’effetto sul nostro cervello (e sul corpo)

12 Maggio 2015
1337 Views

La caffeina è tra gli stimolanti del sistema nervoso centrale più utilizzati. Gli effetti causati da questo farmaco sono simili a quelli di altri stimolanti, come le anfetamine e la cocaina. Il consumo di caffeina accelera l’attività cerebrale e rende una persona più vigile. Una pubblicazione di Harvard afferma che gli effetti della caffeina si iniziano ad avvertire circa 15 minuti dopo l’assunzione e ci mettono fino a sei ore per scomparire completamente. Ma cosa fa la caffeina al nostro corpo?

Blocca i recettori
Secondo DiscoveryHealth.com, la caffeina influenza il cervello principalmente legandosi ad alcuni recettori. Questo rende impossibile per una sostanza chimica chiamata adenosina legarsi agli stessi recettori. Normalmente, questa sostanza chimica causa sonnolenza e rallentare l’attività neurale, ma dal momento che la caffeina blocca i recettori che di solito funzionano con adenosina, l’effetto è il contrario, rendendo i neuroni più attivi del solito. Capito il trucco?

Influisce il rilascio di ormoni
DiscoveryHealth.com afferma anche che dopo che la caffeina ha provocato un aumento della attività dei recettori del’adenosina, la ghiandola pituitaria risponde rilasciando ormoni. Questi ormoni spingono le ghiandole surrenali a produrre adrenalina, che a sua volta provoca quella che viene chiamata la risposta “combatti o fuggi”. Il nostro cervello e il corpo sono così pronti a difendersi in caso di emergenza. Così, diventiamo molto vigili ed è in grado di lavorare rapidamente.

Aumenta la produzione di dopamina
Ancora DiscoverHealth.com ci dice che una grande quantità di caffeina può anche attivare i centri della ricompensa cerebrali. L’aumento dell’attività di questo settore è anche associata a farmaci stimolanti come le anfetamine o l’eroina. I centri di ricompensa iniziano presto a pompare di più dopamina, il neurotrasmettitore che provoca una sensazione di ricompensa e di felicità. È questo neurotrasmettitore che viene spesso ritenuto causare dipendenza. Ma attenzione: nel lungo periodo, ci si assuefa a qualsiasi droga e inizieremo a richiedere dosi sempre maggiori di caffeina.

L’attivazione dei lobi frontali
Il dottor Florian Koppelstaetter e colleghi della Medical University di Innsbruck, in Austria, hanno presentato uno studio del 2005 che ha mostrato che il consumo di caffeina attiverebbe i lobi frontali del cervello. Queste aree sono responsabili per la memoria a breve termine e l’attenzione. E la caffeina può aumentare queste funzioni.

I benefici nello sport
Una dose di caffeina di 100 mg (poco più di una tazzina, ma c’è chi ne prende anche 400 mg, la dose di un caffè americano) è uno dei modi più affidabili e potenti per aumentare temporaneamente la forza. Le persone che sono meno abituate ad assumere caffeina in genere ottengono risultati migliori di potenza durante l’allenamento di forza o l’esercizio anaerobico.

La caffeina può anche svolgere un ruolo nel recupero post-allenamento, sia che siate assuefatti alla caffeina o meno. L’ingestione di caffeina accanto carboidrati può migliorare il tasso di rifornimento di glicogeno, che è particolarmente importante se si lavora molto frequentemente o più volte al giorno.

Ottenere di più con meno
Come si fa a massimizzare i benefici della caffeina? Strano, ma vero: bisogna berne meno. O, per essere ancora più preciso, meno frequentemente. Può essere difficile, ma limitare l’assunzione di caffeina a una o due volte a settimana è il modo migliore per ottenere di più da ogni tazza.

Effetti collaterali
E assumere meno caffeina, ha anche il vantaggio di evitarci gli effetti a lungo termine della caffeina, che non sono così piacevoli. Il Dr. Han Io e colleghi della Pusan ​​National University in Corea hanno riportato in uno studio del 2005 pubblicato su “Biochemical Biophysical Communication Research Journal” che il consumo a lungo termine di basse dosi di caffeina rallenterebbe le funzioni dell’ippocampo. Questa area del cervello è responsabile della memoria e dell’apprendimento a lungo termine. Gli autori hanno concluso che, sebbene la caffeina potrebbe migliorare la nostra prontezza per un breve periodo di tempo, in realtà rallenta l’apprendimento e memoria diminuendo la funzione dell’ippocampo.

Potrebbero interessarti: