Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.

Potrebbero interessarti:

  • I disturbi psicosomatici da stress esistono?

    Dal mal di testa alle infiammazioni del tratto digerente, fino agli squilibri del sistema immunitario sono molte le malattie a cui spesso è associata un’origine comportamentale. Stress e disturbi dell’umore […]

  • Come lavarsi (bene) le mani

    Nella vita di tutti i giorni veniamo a contatto con milioni di germi, la maggior parte dei quali sono innocui. Altri, invece, lo sono meno e attraverso le nostre mani, […]

Scarpe: in casa non devi usarle. Ecco perché

21 Gennaio 2016
855 Views

Ti togli le scarpre prima di entrare in casa? No? Peggio per te… Secondo uno studio condotto dalla Università dell’ Arizona su un paio di comuni scarpre come quelle che usi tutti i giorni, vivono una media di 421.000 batteri diversi. Batteri coliformi, universalmente presenti nelle feci, sono stati rilevati sul fondo del 96% delle scarpe. E l’E. coli è stato rilevato sul 27% delle scarpe, insieme ad altri sette tipi di batteri, come Klebsiella pneumoniae, che può causare infezioni del tratto urinario, e ficaria Serratia, che può causare infezioni respiratorie.

Perché ci sono batteri sulle nostre scarpe?

Camminiamo su le cose come escrementi di uccelli, rifiuti di cane e germi su pavimenti igienici pubblici, che sono tutti fonti di E coli“, dice Kelly Reynolds, Ph.D., microbiologo e professore presso la University of Arizona. Charles Gerba, microbiologo e anche lui professore presso l’Università dell’Arizona commenta: “L’evento comune (96%) dei coliformi e batteri E. coli sulla parte esterna delle scarpe indica frequenti contatti con materiale fecale, che molto probabilmente ha origine dai pavimenti dei bagni pubblici o dal contatto con materiale fecale animale all’aperto. Il nostro studio ha inoltre indicato che i batteri possono essere monitorati da scarpe su una lunga distanza nella vostra casa”. Sono stati trovati sul pavimento dei bagni pubblici circa due milioni di batteri per pollice quadrato, anche se in media una tavoletta del WC ne contiene solo 50 per pollice quadrato.
Secondo un altro studio dell’Università di Houston il 39% delle scarpe conteneva batteri C. diff (Clostridium difficile), che è una minaccia per la salute pubblica resistenti a diversi antibiotici. Questi batteri possono causare più malattie, tra cui la diarrea. Inoltre, uno studio da Baylor University ha scoperto che le persone che vivono vicino a strade asfaltate sigillate con catrame di carbone hanno un aumentato rischio di cancro da tossine, e queste tossine possono essere monitorati osservando le scarpe.

Che fare?

I ricercatori hanno scoperto che lavando le scarpre con detersivo in lavatrice riduce la presenza di batteri di almeno il 90%. Inoltre, si dovrebbe anche pulire i pavimenti e disinfettante e usare la pulizia a vapore. Ma al fine di evitare tutti i problemi e mantenere la casa pulita, gli esperti dicono che è meglio lasciare le scarpe fuori la porta, quando possibile.