Sei nottambulo? Vai a letto tardi? Sei più intelligente

27 Maggio 2015
1530 Views

Preferisci al notte al giorno e ti piace tirare tardi rispetto agli orari canonici? Non è detto che sia un difetto.

Secondo Psychology Today, le persone intelligenti hanno più probabilità di essere notturne rispetto alle persone con bassi punteggi QI. In uno studio eseguito su giovani americani, i risultati hanno mostrato che gli individui intelligenti vanno a letto più tardi nei giorni feriali e nei fine settimana rispetto ai loro omologhi meno intelligenti.

Satoshi Kanazawa, psicologo presso la London School of Economics and Political Science, ha riferito che la media IQ e l’ora in cui si va a dormire sono sicuramente legate. Secondo lui gli individui dall’intelligenza media sono stati condizionati a seguire il modello di sonno regolare, mentre i più curiosi e intellettuali vogliono sfidare quel modello e crearne uno proprio. È una sfida incosciente che viene dal rifiuto di accettare l’idea di richiamo di massa.

Uno studio su giovani americani riportato da Studio Magazine c’è un rapporto evidente tra gli orari in cui ci si corica e il Q.I.

Basso quoziente intellettivo (QI <75) 
Giorno della settimana: 23:41 – 7: 20 am 
Week-end: 00:35 -10: 9:00
Quoziente intellettivo normale (90 <QI <110) 
Giorno della settimana: 0:10 – 7: 32 am 
Week-end: 01:13 -10: 14 am
Quoziente intellettivo alto (IQ> 125) 
Giorno della settimana: 00:29 -7: 52 am 
Week-end: 01:44 -11: 7:00

La differenza oraria non è eccessiva, ma secondo i ricercatori  i dati supportano quello che tutti i nottambuli sanno bene: l’unico momento vero per vivere è dopo che tutti sono andati a dormire. Solo dopo il tramonto possiamo imparare, assorbire e studiare e rileggere la giornata. Si tratta di una condizione necessaria di riflessione su di sé che pochi esseri umani si prendono il tempo di fare. I nottambuli sognano durante il giorno, e dopo il tramonto è il momento in cui scatenano i desideri più intimi e si concedono più libertà. La notte è per testare i propri limiti e sfidare se stessi. Il momento dell’auto-espressione può essere sbloccato solo di notte e valutato di giorno.

I nottambuli secondo i ricercatori sono anti-Establishment. Stare alzati fino a tardi è stato, e sarà sempre, un atto di ribellione. A dispetto dei nove-cinque, la stessa abitudine di rimanere alzati fino a tardi è rivoluzionaria. Sin dai tempi antichi. Secondo la rivista Psicologia e differenze individuali, per diversi millenni gli esseri umani sono stati in gran parte condizionati a lavorare durante il giorno e di dormire la notte. Ma coloro che sfidano quest’abitudine, è più probabile che acquisiscano e facciano loro (evolutivamente) nuovi valori e preferenze rispetto alle persone meno intelligenti. Questi “valori nuovi” diventano gli elementi costitutivi dei leader. Sono gli ingredienti di rivoluzionari, inventori ed esploratori. Sono loro che sfidano la pressione sociale di seguire le masse. Non è una sorpresa che coloro che sono disposti a rimanere alzati fino a tardi, per esplorare il territorio inesplorato della notte, sono più curiosi. Essi sono più inclini a fare scoperte e a sfidare l’autorità. Essi vogliono espandere la loro mente, non spegnerla solo perché la gente dice loro è arrivato il momento per andare a letto.

I nottambuli sono più aperti mentalmente
Le cose che accadono durante la notte sono cose che non si possono ottenere durante il giorno. È il momento di libertinaggio totale, delle operazioni subdole e delle occupazioni sconvenienti. Di notte scrivono i poeti e i musicisti e i geni fanno le loro scoperte. Secondo la rivista Esquire, è anche il momento in cui si fa più sesso.

…E sono proattivi
Alzarsi presto è sicuramente un comportamento da attivo, ma rimanere alzati fino a tardi è altrettanto fruttuoso. Perché di notte, c’è l’alba e un nuovo giorno di fronte a voi. Ma al mattino, c’è solo la desolazione della notte e la fine scoraggiante di un altro giorno.

Potrebbero interessarti: