Il perfezionismo crea ansia: i consigli dello psicologo di Harvard

22 Aprile 2015
374 Views

Nessuno è perfetto. “Eppure, molte persone lottano per esserlo, il che può innescare una cascata di ansie. Il perfezionismo può essere un punto di forza o un ostacolo, a seconda di come è incanalato” spiega in un articolo lo psicologo clinico Jeff Szymanski, professore associato di psicologia presso la Harvard Medical School e direttore esecutivo della Fondazione Internazionale OCD.

“Il cuore di tutto il perfezionismo è l’intenzione di fare bene qualcosa” dice il Dott Szymanski. “Se riuscite a regolare la vostra strategia in caso di necessità, state bene. Ma quando non riuscite a tollerare di fare un errore, quando la vostra strategia è quella di non fare assolutamente errori, vuol dire che il perfezionismo inizia a portarvi nella direzione sbagliata”.

Nella sua forma più grave, il perfezionismo può lasciarvi incapaci di completare qualsiasi compito per paura di sbagliare. Per aiutarvi a dare la giusta priorità ai progetti e alle attività che significano di più per voi e adottare una strategia per fare le cose bene, Szymanski propone il seguente esercizio:

Cosa pensate sia importante nella vita? Cosa vorreste che la vostra vita significasse tra 50 anni? E, soprattutto, dove volete mettere le vostre energie per i prossimi cinque anni? Pensate ai vostri obiettivi e progetti in corso, e assegnare loro una priorità. Utilizzate le lettere “ABCF” per aiutarvi a decidere dove si vuole eccellere (A), volete essere superiori alla media (B), essere in media (C), e ciò che potete lasciare andare (F).

Per esempio:
• A (sforzo 100%): Questo è riservato a ciò che è più importante per voi. Ad esempio, se la vostra carriera è più preziosa, i vostri obiettivi potrebbero essere di impressionare il capo, assicurarsi che i clienti sono felici, creare buoni prodotti.

• B (sopra la media, forse 80% lo sforzo): Forse vi piace giocare a golf o di tennis o vuole imparare una nuova lingua. Attività importanti, ma non avete intenzione di eccellere.

• C (impegno medio): Forse avere una casa pulita è importante. Ma non è il caso di esagerare? Le persone non vengono a vedere tutti i giorni. Potreste pulire il fine settimana? Oppure concentrarvi su un paio di camere che fanno la maggior parte del traffico?

• F (senza sforzo): I ruba-tempo che non promuovono i vostri valori o vi portano piacere – per esempio: piegare tutti i vestiti in un modo specifico. Avete delle attività di cui, riflettendoci, in realtà non vi importa granché – che avete sempre fatto in un certo modo col pilota automatico? Queste meritano di essere potate.

Date una lettera a tutto ciò che fate e vedrete la vita in modo diverso.

Potrebbero interessarti: