Fit tracker: davvero monitorano il sonno? O è un bluff?

1 Aprile 2015
921 Views 1 Comments

Il metodo migliore per monitorare il sonno – scrive Livescience – è un test di laboratorio del sonno profondo, chiamato polisonnografia. Rispetto a questo test, i fit tracker sono “facili da ingannare. L’articolo continua con una serie di interviste a scienziati e ricercatori…

In uno studio del 2011, Montgomery-Downs e colleghi hanno confrontato i dati provenienti da un fit tracker a quelli di un test polisonnografia. Hanno osservato alcuni adulti che indossavano una versione precedente di un tracker Fitbit, e hanno scoperto che il Fitbit sopravvalutava la quantità di sonno dei partecipanti di 67 minuti, in media. “Dicono che si dorme più di quanto lo si faccia esattamente”, spiega Montgomery-Downs. Lo studio ha anche riscontrato che un actigraph, un altro dispositivo che utilizza anche un accelerometro per controllare il sonno ed è a volte usato in studi sul sonno, sopravvaluta il tempo del sonno per 43 minuti. Un altro studio, presentato a una riunione dei ricercatori del sonno ‘a novembre 2013, ha trovato l’effetto opposto nei bambini – il Fitbit One sottovalutava quanto tempo i bambini erano addormentati, di 109 minuti.

Fasi del sonno
Diversi esperti sono scettici sul fatto che i fit tracker siano in grado di monitorare le fasi del sonno. “I consumatori non devono aspettarsi che questi dispositivi saranno in grado di distinguere tra le varie fasi del sonno, perché questi dispositivi si basano su movimenti, mentre le fasi del sonno sono definiti principalmente da attività cerebrale“, spiega Michael Scullin, ricercatore presso il Dipartimento di Neurologia della Emory University School. Gli scienziati del sonno usano un test chiamato elettroencefalografia (EEG) per misurare le onde cerebrali mentre si dorme e distinguere tra le varie fasi di sonno non-REM, spiega Scullin. E per misurare il sonno REM servono ingressi aggiuntivi oltre le onde cerebrali, compresi i movimenti degli occhi e il tono muscolare.

The Basis è uno dei pochi fit tracker sul mercato che promette di monitorare il sonno REM in aggiunta a quello leggero e profondo. Secondo la società, il dispositivo è in grado di fare questo perché include un cardiofrequenzimetro in aggiunta a un accelerometro. La società ha testato il dispositivo nei laboratori del sonno per scoprire quali misure, tra cui la frequenza cardiaca, in correlazione con diverse fasi del sonno. “Non stiamo facendo una richiesta possiamo sostituire laboratori del sonno o possiamo essere più precisi”, spiega Damon Miller, responsabile del marketing. “Ma ci sentiamo di andarci vicino per essere un prodotto di consumo”. I ricercatori del sonno dal canto loro hanno detto che vorrebbero vedere gli studi condotti da terzi, che non hanno finora pubblicati.

fitness-band

“La frequenza cardiaca non è la stessa cosa delle onde cerebrali. E sono le onde cerebrali a dirci quale fase del sonno siamo”, chiosa Dr. Lisa Meltzer, ricercatore del sonno presso l’ospedale di Denver. E Montgomery-Downs aggiunge: “Se il dispositivo NON è stato sottoposto a test indipendenti (cioè da qualcuno che non riceve i soldi dalla società) e pubblicato in una rivista scientifica seria, le loro affermazioni sono infondate”. “Forse la raccolta dei dati di frequenza cardiaca migliora la loro misura – commenta Scullin – ma le informazioni sulle onde cerebrali e dei movimenti oculari è necessaria per distinguere definitivamente fasi del sonno”

Potenziale pericolo
“Per le persone che non hanno disturbi del sonno, utilizzare una Fitness tracker per monitorare il sonno non è un problema. Ma per una persona con un disturbo del sonno, il monitoraggio del sonno con uno di questi monitor potrebbe dare loro una falsa rassicurazione”, commenta Montgomery-Downs. “Le persone con problemi di sonno non rilevati possono essere un pericolo per sé o per altri, se per esempio, guidano mentre assonnato. E i fit tracker con solo un accelerometro non possono fornire più informazioni sulla qualità del sonno. Ad esempio, una persona con apnea del sonno può smettere di respirare anche 300 volte per notte, ma questo non sarebbe rilevato”. “Il loro sonno è pessimo, ma potrebbero tranquillamente starsene relativamente fermi per otto ore”. In conclusione? Dice Scullin: “È utile che questi dispositivi commerciali sollevino la consapevolezza dei problemi del sonno, ma i consumatori che possono avere disturbi del sonno farebbero meglio a prendere un appuntamento presso una clinica del sonno che fidarsi dei dati ottenuti”.

Potrebbero interessarti: